Volevo essere Moccia

Volevo essere Moccia Titolo: Volevo essere Moccia
Autore: Alberto Bracci Testasecca
Editore: La Lepre
Anno edizione: 2010
Pagine: 168 p.
EAN: 9788896052211

Il titolo di questo romanzo può trarre in inganno. Moccia è lo scrittore che ha reinventato una generazione oppure è lo scrittore che l’ha resa uno stereotipo? Criticato aspramente, avvolto da una nube di invidia e di ammirazione, impenetrabile ma sempre alla mano, Moccia continua a trasformare in oro tutto ciò che tocca. Qual è la formula del suo successo? Che cosa fa di uno scrittore uno scrittore? E soprattutto: quale di queste due domande conta di più? Una donna entrata in coma a 26 anni ne esce dodici anni dopo e il primo libro che le capita in mano è un romanzo di Federico Moccia. Uno scrittore di scarsissima fama prova per Federico Moccia un’invidia devastante, e tenta prima di imitarlo, poi addirittura di aggredirlo. Un ragazzo che non conosce altro che i computer, nei suoi timidi approcci con le donne è costretto a confrontarsi con gli aforismi di Federico Moccia. Una donna in carriera, delusa dal marito, vuole una relazione come quelle che ha letto nei libri di Federico Moccia per vendicarsi del coniuge. In questo romanzo la realtà e Moccia giocano a braccio di ferro, e il vincitore non è scontato. L’intolleranza degli snob e l’adorazione dei giovani hanno creato un campo di battaglia, ma è la terra di nessuno tra i due schieramenti che diventa terreno fertile. Volevo essere Moccia è una storia satirica, buffa, commovente, cruda, ma soprattutto autentica.
Una storia per l'essere tempo Titolo: Una storia per l’essere tempo
Autore: Ruth Ozeki
Anno edizione: 2013
Una storia per l’essere tempo
L' importanza di essere onesto-Il ventaglio di Lady Windermere-Una donna senza importanza-Un marito ideale. Ediz. integrale Titolo: L’ importanza di essere onesto-Il ventaglio di Lady Windermere-Una donna senza importanza-Un marito ideale. Ediz. integrale
Autore: Oscar Wilde
Anno edizione: 2016
L’ importanza di essere onesto-Il ventaglio di Lady Windermere-Una donna senza importanza-Un marito ideale. Ediz. integrale
Fated. L'amore può essere un disastro (ma solo se ci credi) Titolo: Fated. L’amore può essere un disastro (ma solo se ci credi)
Autore: Scott G. Browne
Anno edizione: 2012
Fated. L’amore può essere un disastro (ma solo se ci credi)
Tutto quello che avremmo potuto essere io e te se non fossimo stati io e te Titolo: Tutto quello che avremmo potuto essere io e te se non fossimo stati io e te
Autore: Albert Espinosa
Anno edizione: 2011
Tutto quello che avremmo potuto essere io e te se non fossimo stati io e te
L' uomo che pensava di essere il Messia Titolo: L’ uomo che pensava di essere il Messia
Autore: Curt Leviant
Anno edizione: 2013
L’ uomo che pensava di essere il Messia
Non svegliate l'essere che dorme Titolo: Non svegliate l’essere che dorme
Autore: Jali
Anno edizione: 2013
Non svegliate l’essere che dorme
Volevo spaventare suor Anna Titolo: Volevo spaventare suor Anna
Autore: Rinaldo Porzio
Anno edizione: 2010
Volevo spaventare suor Anna
Volevo un fante di cuori. Fisiopatologia della donna abbandonata Titolo: Volevo un fante di cuori. Fisiopatologia della donna abbandonata
Autore: Fulvia Perillo
Anno edizione: 2010
Volevo un fante di cuori. Fisiopatologia della donna abbandonata
Il problema di essere... giovani Titolo: Il problema di essere… giovani
Autore: Andrea Serena
Anno edizione: 2011
Il problema di essere… giovani
Volevo essere Vallanzasca Titolo: Volevo essere Vallanzasca
Autore: Federico R. Chendi
Anno edizione: 2008
Volevo essere Vallanzasca
Respirare la luna. Diario di bordo di un navigatore dell'essere Titolo: Respirare la luna. Diario di bordo di un navigatore dell’essere
Autore: Eugenio Guarini
Anno edizione: 2007
Respirare la luna. Diario di bordo di un navigatore dell’essere
Mordimi lo stinco ma non la sim. La storia di un matto che non sapeva d'essere un jolly Titolo: Mordimi lo stinco ma non la sim. La storia di un matto che non sapeva d’essere un jolly
Autore: Maurizio L. Prati
Anno edizione: 2015
Mordimi lo stinco ma non la sim. La storia di un matto che non sapeva d’essere un jolly

Leave a Reply